1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Contenuto della pagina

Attività di ricerca

La Scuola di Dottorato di Architettura intende contribuire alla rigenerazione della città e del territorio intesi come sistema dinamico complesso mediante lo sviluppo di trasformazioni progettuali architettoniche e territoriali, valorizzando le singole specializzazioni disciplinari nella prospettiva dell'unità dei saperi, luogo di dialogo e di confronto trans-multidisciplinare. Da un approccio sistemico alla città ed al territorio possono scaturire processi di trasformazione caratterizzati da creatività ed innovazione volti al miglioramento della resilienza e dello sviluppo sostenibile.
In questa prospettiva, la rigenerazione urbana può essere intesa come un tema rilevante per orientare lo sviluppo sostenibile delle città secondo approcci innovativi e creativi, che implicano recuperare gli spazi abbandonati dai processi produttivi o restituire "nuova" qualità ambientale, economica e sociale a quartieri degradati, ma anche rivitalizzare i centri storici a partire da valori identitari condivisi, riducendo gli impatti e i costi sociali/umani.
L'integrazione dei luoghi della città storica, nelle sue molteplici dimensioni, passa anche attraverso la produzione e lo scambio culturale in grado di generare reti intorno a cui far sedimentare cooperazione territoriale e nuove capacità (culturali, sociali ed economiche). In questi luoghi, le politiche di sostegno alla produzione culturale ed alla creatività possono essere collegate alla ricerca di una crescita della capacità di attrazione e della competitività urbana, attraverso azioni con un impatto diffuso sul territorio, non circoscritto al singolo attrattore o centro culturale. Pertanto, la strutturazione di opportuni processi decisionali inclusivi, attenti ad una prospettiva multidimensionale, deve esplorare la complessità dei sistemi urbani e territoriali, esplicitare le fasi di attivazione e di realizzazione dei progetti di rigenerazione, e programmarne la gestione nel tempo.

 
 
Condividi su: